Fringe benefit: ecco cosa cambia dal 1° luglio 2020

Il Fringe benefit legato all’auto ha subito cambiamenti che sono entrati in vigore a partire dal 1° luglio 2020. La Legge di Bilancio 2020 ha portato modifiche alla tassazione dei veicoli ad uso promiscuo ai dipendenti, stabilendo nuove percentuali di calcolo che variano a seconda delle emissioni di CO2 del veicolo. L’obiettivo è quello di ridurre sempre più il numero dei mezzi inquinanti e promuovere l’utilizzo di macchine a basso impatto ambientale. Si passa dal 30% del costo riferibile a una percorrenza del veicolo di 15.000 km/anno, secondo le tabelle ACI, ad una serie di percentuali differenziate in funzione del grado di inquinamento del veicolo.

Che cosa prevede la norma?

La norma si basa su una stima che vede la percorrenza convenzionale di 15.000 chilometri calcolata sulla base del costo chilometrico ACI, la percentuale applicata segue i valori di emissione del mezzo:

25% per i veicoli con valori di emissione di CO2 fino a 60g/km;
30% per i veicoli con valori di emissione di CO2 tra 60g/km e 160g/km;
40% per i veicoli con valori di emissione di CO2 tra 160g/km e 190g/km;
50% per i veicoli con valori di emissione di CO2 superiore a 190g/km.

Che cosa cambia dal 2021?

A partire dal nuovo anno le percentuali subiranno un ulteriore incremento che colpirà le vetture più inquinanti:

per i veicoli con valori di emissione di CO2 tra 160g/km e 190g/km si passerà dal 40% al 50%,
per i veicoli con valori di emissione di CO2 superiore a 190g/km dal 50% al 60%.

E per quanto riguarda la deducibilità?

La deducibilità rimane invariata e mantiene il suo 70%, nonostante la tassazione ai dipendenti sia di fatto aumentata.

Che cosa comprende il noleggio lungo termine?

Come prima cosa, bisogna mettere in chiaro che non tutti i contratti di noleggio lungo termine sono uguali, questo perché i contratti sono personalizzabili dal cliente e perché alcuni sono soggetti a promozioni speciali che non permettono di variare le specifiche contrattuali. In questo articolo prenderemo in considerazione un contratto “normale”, nel quale il cliente può decidere i servizi che vuole includere o meno.

1 . Manutenzione ordinaria e straordinaria

Per manutenzione ordinaria si intendono tagliandi e revisioni, tutti quei “check up” indispensabili durante la vita del mezzo. La manutenzione straordinaria include invece tutte quelle visite fuori programma dal meccanico, che possono dipendere dal cambio dell’olio o di un tergicristallo o di un rumorino che si sente ogni volte che si superano i 50 km/h.

2 . Assicurazione RCA

La RCA è obbligatoria alla circolazione, è quindi obbligatoria anche ai fini del noleggio. Non vuol dire però che non sia personalizzabile, infatti il cliente, durante la stesura del contratto, può decidere quale franchigia includere nella sua assicurazione RCA. Queste franchigie possono andare da 0€ fino a 250€ e c’è di più: al contrario della comune assicurazione che potrebbe subire variazioni dovute a cambi tariffari o a sinistri, ecc, l’assicurazione inclusa nel contratto di noleggio rimarrà invariata durante tutto l’arco del contratto.

3 . Assicurazione KASKO

La KASKO, su un’auto di proprietà non viene quasi mai stipulata, ma… nel noleggio invece c’è sempre. Anche in questo caso, la franchigia applicabile viene scelta dal cliente e può variare da 500€ a 0€. Per capirci meglio: se dovesse cadere un painoforte dal secondo piano e atterrare dritto dritto sul cofano della vostra auto, voi paghereste al massimo 500€, a seconda della franchigia che avete scelto.

4. Assicurazione I/F

Come detto sopra, anche l’assicurazione incendio e furto è inclusa nel contratto, con franchigie che variano dal 10% del valore commerciale del mezzo allo 0% dello stesso.

5 . Pneumatici: cambi e forature 

Questo servizio è completamente personalizzabile: il cliente può scegliere se includere o meno il cambio gomme e, nel caso, quante includerne. C’è anche la possibilità di scegliere il cambio gomme illimitato (scelta che dipende molto dai km percorsi annualmente)… in questo caso, ogni qualvolta che il vostro battistrada arriva a 3 mm, potrete andare dal gommista a farvi cambiare le gomme.

6 . Assistenza h24 e applicazione 

Questa funzione viene molto spessa sottovalutata, mentre, in tutta onestà, è uno dei valori aggiunti più significativi del noleggio. Fate un incidente? Niente panico, prendete l’applicazione, cliccate “soccorso stradale” e un operatore individuerà la vostra posizione, inviandovi i soccorsi.
Oppure, avete parcheggiato l’auto e non ricordate dove? o avete semplicemente perso l’assicurazione? L’applicazione contiene tutte le informazioni utili per la vostra auto, dalle disposizioni contrattuali alla posizione dell’auto.

7 . Vettura sostitutiva

Questo è l’ultimo servizio incluso nel contratto. La verità è che nella maggior parte dei casi questo servizio viene sconsigliato, però esiste ed è un servizio molto valido, che il cliente ha tutto il diritto di utilizzare e includere nel proprio contratto.

L’anticipo nel noleggio lungo termine

Molto spesso capita di vedere la stessa macchina su siti diversi con canoni completamente differenti. Questo può dipendere da differenti fattori, tra i quali anche l’anticipo.

Nel noleggio lungo termine l’anticipo non è (quasi) mai obbligatorio: può rivelarsi tale solo in alcune tipologie di contratti “speciali” che hanno delle caratteristiche fisse. Ma allora, a cosa serve davvero l’anticipo?

Ogni cliente può decidere, in base alle proprie necessità e volontà, se inserire o meno un anticipo per abbassare il canone mensile. L’anticipo funzionerà in modo molto intuitivo: verrà preso il totale dell’anticipo e verrà poi diviso per tutta la durata del contratto. Facciamo un esempio:

prendiamo un anticipo di 8000 € e un canone di 400€ per 36 mesi, il conto da fare sarà il seguente:

8000 : 36 = 222,22 €

400-222,22 = 177,78 €

La rata finale del noleggio sarà quindi 177,78€ al mese per 36 mesi.
L’anticipo non è quindi uno strumento obbligatorio ai fini del contratto, ma una decisione del cliente che potrà decidere di abbassare la rata del canone a fronte di un investimento iniziale.

Le offerte che troverete sul nostro sito sono soprattutto senza anticipo per far si che i clienti possano avere una visione chiara della rata mensile senza sorprese,  soprattutto in questo periodo difficoltoso.

 

Il nuovo sito è online, con una sorpresa!

Abbiamo il piacere di comunicare che Rent&Fleet lancia oggi il suo nuovo sito internet.

Dopo circa 4 anni di attività, nel corso dei quali abbiamo avuto il piacere di attivare circa 6oo nuovi Clienti e consegnare  un numero pari a 700 auto/mezzi commerciali, abbiamo deciso di rinnovarci nell’immagine, variando il nostro marchio, e nelle proposte,  sia commerciali che del post vendita al servizio dei Clienti stessi.

Il nuovo sito che lanciamo oggi racchiude un po’ tutto ciò che mettiamo a Vostra disposizione:

  • una squadra consolidata nella quale sono ben definiti compiti e responsabilità, squadra che nel nuovo sito viene presentata visivamente con l’immagine di ognuno di noi.
  • ottime collaborazioni sul territorio Nazionale, concentrate prevalentemente nel Nord Italia,  con un  obiettivo di crescita e di presenza sempre più capillare nei vari territori. In tal senso abbiamo già programmato un aggiornamento nel nuovo sito nel quale presenteremo anche ogni nostro singolo collaboratore.

Metterci la faccia è  la nostra nuova costante!!

E proprio per questo motivo, attraverso il nuovo sito, potrai richiederci un appuntamento tramite video chiamata per qualsiasi tue esigenza:  vedersi di persona siamo convinti possa dare valore ad ogni relazione commerciale.

Non poteva mancare però una vera e propria azione commerciale: nel  caso di nuovi contratti attivati sino alla data del 30 giugno 2020, siano questi  rinnovi di contratti in scadenza o contratti per nuove esigenze o per  segnalazioni di amici, colleghi o altre persone che tramite voi attiveranno un contratto con Rent&Fleet,  ti sarà riconosciuto un buono carburante del valore di 100 Euro.

In cambio ti chiediamo solo di aiutarci a crescere mettendo su Google una tua recensione e un like sulla nostra pagina Facebook!!!

L’accordo tra FCA e Mc Donald’s

L’e-commerce arriva anche a bordo dell’auto.

Fiat Chrysler Automobiles e McDonald’s do Brasil hanno annunciato una partnership per rendere più semplice la vita dei clienti del McDrive. Infatti, grazie a questa iniziativa, i clienti FCA potranno scegliere e pagare direttamente dal display della loro auto i prodotti McDonald’s che potranno poi ritirare presso il McDrive.

 

Sia Fiat Chrysler Automobiles e McDonald’s hanno annunciato che la collaborazione non sarà solo tra questi due marchi ma si cercheranno sempre nuove collaborazioni per offrire ai consumatori uno stile di vita sempre più semplice e intuitivo. 

Per Paulo Camargo, presidente della divisione brasiliana di Arcos Dorados, la società responsabile della gestione del marchio McDonald’s in America Latina, questa collaborazione rafforza gli investimenti della rete per generare maggiore convenienza. “Ogni giorno diamo sempre più potere ai nostri clienti fornendo loro nuove opzioni per scegliere cosa mangiare, dove mangiare e come pagare”,conclude.  

 

Oltre a McDonald’s, anche Visa do Brasil fa parte di questa rete di innovazione che mira a cercare una nuova opzione di pagamento direttamente dall’auto.

Nello specifico, questo sistema sarà presente solo su alcuni modelli di FCA, dai quali sarà possibile ordinare il pasto attraverso il display, pagando con sistemi elettronici online o carte di credito e decidendo presso quale caffetterie sarà possibile ritirare il sacchetto direttamente dalla propria auto. L’iniziativa fa parte della piattaforma aperta di innovazione di FCA, che lavora sulla comprensione dei gusti e delle necessità dei consumatori e il loro rapporto con altri marchi.

Cosa avremmo visto al Salone dell’Auto di Ginevra 2020

É la prima volta dal 1947 che viene sospeso il Salone dell’Auto di Ginevra, ma le case automobilistiche hanno trovato una soluzione, hanno quindi deciso di tenere le presentazioni dei nuovi modelli in streaming.

 

La prima a farlo è stata Porsche che ha annunciato le nuove 911 turbo s-coupé e cabriolet, la Mercedes ha annunciato l’uscita della nuova Classe E, ora anche in versione stiano wagon, oltre che nelle varianti cabriolet e SUV. 

 

 

 

L’alternativa alla berlina tedesca è invece l’Alfa Romeo Giulia GTA, pensata per celebrare i 110 anni di
Alfa Romeo. É una versione potenziata della Giulia Quadrifoglio. La reginette del salone avrebbe però dovuto essere la nuova Fiat 500 elettrica.

 

 

Volkswagen ha portato tante novità tra cui il nuovo modello elettrico ID4 e nuovi modelli della Golf. Anche Audi ha presentato la nuova Audi A3 Sportback con tanto di sistema multimediale Alexa. 

Leasing o noleggio lungo termine?

Leasing e noleggio lungo termine sono due termini sempre più presenti nel mondo dell’automotive ma quali sono le differenze tra leasing e noleggio lungo termine?

Leasing e noleggio tendono ad assomigliassi agli occhi dei clienti, i quali faticano a capire la differenza tra i due prodotti. 

Per quanto riguarda il leasing, si tratta essenzialmente di un’operazione di finanziamento. Il concedente acquista un bene e lo concede in uso, a fronte del pagamento di un canone periodico. Il compratore non può rescindere il contratto, al termine del quale può acquistare il mezzo ad una tariffa concordata o restituirlo. Sostanzialmente la società di leasing anticipa il capitale necessario per l’acquisto del bene e il cliente lo restituisce mese per mese (come succederebbe per un muto per intenderci).

Il contratto di leasing, quindi, comprende:

  • Canone anticipato
  • Rata mensile 
  • Maxi rata finale per il riscatto 
  • Spese extra per la gestione dell’auto ed il mantenimento (infatti bollo, assicurazioni, soccorso stradale e manutenzione non sono inclusi nel canone mensile)

 

Per quanto riguarda il noleggio lungo termine, invece, un soggetto concede in locazione ad un altro un bene a fronte del pagamento di un canone. Il canone è tarato sul godimento del bene, infatti prende in considerazione non solo il costo dell’auto ma anche il costo di gestione e manutenzione. Per quanto riguarda l’anticipo, questo è a discrezione della società di noleggio e del cliente. Il canone quindi corrisponde alla entità dei servizi offerti dal bene dato in locazione e non è strettamente in relazione alla durata economica del bene stesso.

A differenza del leasing, nel contratto di noleggio a lungo termine, la rata comprende:

  • Bollo 
  • Coperture assicurative
  • Tassa di proprietà
  • Soccorso stradale 
  • Manutenzione straordinaria e ordinaria

Nel noleggio a lungo termine quindi non rimangono escluse spese extra e il cliente sa, fin da subito, la spesa mensile per il mezzo e per la sua gestione.